Fonti dei privati e globalizzazione

Fonti dei privati e globalizzazione

Aprile 2015
15x21cm
210 pagine
€ 25,00 
Disponibilità immediata
ISBN: 
978-88-6105-199-7

Il “diritto dei privati” è l’espressione con la quale Widar Cesarini Sforza nel 1929 proponeva il tema dell’idoneità dell’autonomia negoziale alla produzione di norme giuridiche. La citazione appare pertinente, sia pur destinata ad assumere nuovi significati, nella prospettiva della globalizzazione: la produzione di norme private appare talmente ampia da imporre al costituzionalista la verifica deitratti distintivi delle fonti, quali la generalità, l’astrattezza, la ripetibilità, la pubblicità. Attraverso l’esame difattispecie tra loro eterogenee, quali i contratti collettivi di lavoro,i codici deontologici,le linee guidanella responsabilità sanitaria, gli standardfinanziari ed ambientali, le norme tecniche e la lex mercatoria si individuano i percorsi attraverso i quali gli atti di autonomia privata assumono una rilevanza oltre i limiti soggettivi dei loro autori, facendosi portatori di obblighi di protezione nei confronti dei terzi. La produzione dell’efficacia normativa delle fonti private è oramediata da criteri di collegamento con l’ordinamento giuridico dello Stato, ora affidata alla qualificazione dei giudici; la dimensione transnazionale di molte fonti private fa sì che la loro qualificazione normativa sia affidata a giudici sovranazionali. Ilruolo dello Stato, quale attore della decisione politica, appare recessivo in quantomolti global players sono espressione di poteri privati. Come sottoporre tali poteri privati alle garanzie del costituzionalismo? A questo interrogativo il volume Fonti dei privati e Globalizzazione tenta di dare una risposta.

  • Anna Moscarini

    è Professore Ordinario di Diritto Costituzionale nell’Università della Tuscia e Docente di Giustizia Costituzionale presso la LUISS. È stata componente della Commissione di esperti per le riforme costituzionali, istituita dal Presidente del Consiglio Enrico Letta nel 2013 e presieduta dal Ministro Gaetano Quagliariello. È autrice di quattro monografie, saggi e note a sentenza pubblicati in importanti collane e riviste specialistiche di diritto costituzionale