Europa, sfida per l'Italia

Prossimamente

L’Unione europea, a sessant’anni dalla firma dei Trattati di Roma, corre oggi un reale pericolo di disgregazione. Non sono soltanto gli equilibri di potere a essere in gioco, ma gli stessi valori finora condivisi, quali democrazia, internazionalismo e economia di mercato, che hanno costituito l’essenza della costituzione europea. I paesi membri e le sue istituzioni devono riflettere sugli errori commessi e adottare riforme coraggiose che la rendano più vicina ai bisogni dei cittadini e le restituiscano la credibilità perduta.

I saggi raccolti in questo volume rappresentano una riflessione sui principali temi da affrontare per sbloccare l’impasse e rimettere in moto le istituzioni. La premessa comune degli autori è che quanto fino a oggi costruito è un patrimonio ancor valido per affrontare le sfide del mondo globalizzato e del tumultuoso cambiamento delle tecnologie, in Italia e nell’Europa intera. Senza cadere nell’illusione che un ritorno al nazionalismo offra una via migliore, o anche solo percorribile, al recupero di sovranità e al consolidamento delle nostre democrazie. Al contrario, i popoli europei possono conservare la loro sovranità solo condividendola. Per l’Italia, un’uscita dall’euro e dall’Unione sarebbe una scelta suicida.

Con interventi di Sabino Cassese, Mario Monti e Pier Carlo Padoan

 

  • Marta Dassù

    è direttore della rivista «Aspenia» ed editorialista de La Stampa.

  • Stefano Micossi

    è Direttore generale di Assonime, Presidente del Consiglio scientifico della LUISS-SEP School of European Political Economy e membro del Consiglio di amministrazione del Centre for Economic Policy Studies (CEPS) di Bruxelles.

  • Riccardo Perissich

    è Vice Presidente Esecutivo del Consiglio Italia-USA, membro del Comitato esecutivo di ASPEN e del Consiglio di amministrazione del Jacques Delors Institute – Notre Europe Foundation.