Antisemitismo. Una storia di oggi e di domani

 

Attenzione: a causa dell'emergenza sanitaria nazionale le spedizioni dei libri acquistati da sito sono sospese fino a data da destinarsi 

 

Antisemitismo. Una storia di oggi e di domani

Gennaio 2020
15x21
257 pagine
€ 20,00 
Disponibilità immediata
ISBN: 
9788861054608

In libreria dal 30 gennaio, con una postfazione di Anna Foa

Il fuoco nero dell’antisemitismo, l’odio irrazionale verso il popolo ebraico accusato di cospirare ai danni del resto dell’umanità, non ha mai smesso di bruciare nonostante alla Shoah, il suo orrendo apice, siano seguiti decenni di appelli affinché simili tragedie non si ripetessero mai più. Negli ultimi anni, tuttavia, l’insofferenza e il disprezzo per gli ebrei sembrano aver ripreso vigore in tutto il mondo, prendendo di volta in volta le sembianze dell’antagonismo religioso, dell’opposizione al sionismo, delle rivendicazioni di movimenti neonazisti e neofascisti e altre ancora. Ma da dove viene tutto quest’odio e perché sembra impossibile sconfiggerlo? Cosa lo rende così trasversale e condiviso? Siamo così sicuri che ci troviamo di fronte a un residuato della storia e non a un fenomeno molto più pericoloso, che appartiene piuttosto all’attualità e al futuro? Attraverso una serie di lettere tra l’autrice e due personaggi da lei creati, ispirati a studenti e colleghi incontrati nei suoi anni di studio e insegnamento, Antisemitismo tenta di dare una risposta a queste domande e a porne di nuove. L’ultimo lavoro di Deborah Lipstadt, acclamata storica che si è battuta in prima persona contro il negazionismo, è un libro personale e doloroso, capace di guardare negli occhi la terribile realtà che stiamo vivendo. Il nemico, tuttavia, è spietato ma non invincibile: lo studio, la conoscenza reciproca e il rispetto degli altri sono ancora oggi potenti armi in grado di sconfiggerlo.

  • Deborah Esther Lipstadt

    è una storica statunitense, considerata tra gli studiosi più autorevoli al mondo sui temi del sionismo e della Shoah. Il suo lavoro di ricerca e il suo impegno civile le sono valsi numerosi riconoscimenti e premi. Nel 2000, dopo una lunga battaglia legale, sconfisse lo storico negazionista David Irving che intendeva dare dignità a quanti sostenevano che lo sterminio di massa di milioni di persone non fosse mai avvenuto. È autrice di numerosi libri tra i quali sono stati tradotti in italiano Il processo Eichmann (Einaudi, 2014) e il memoir La verità negata (Mondadori, 2016)