Replica statica delle opzioni

La replica statica nasce negli anni novanta, in risposta ad alcuni dei problemi riscontrati sul piano pratico dall’applicazione del «classico» approccio di replica dinamica, sul quale si fondano le moderne teorie di options pricing. In generale, prevede la costruzione di un portafoglio di opzioni o altri strumenti detenuti in quantità fisse durante l’intera durata del periodo di copertura. I  modelli di static replication consentono di determinare i pesi statici che garantiscono l’uguaglianza tra il valore del portafoglio e il valore dell’opzione target, al variare del tempo residuo alla scadenza e del prezzo del titolo sottostante. Le strategie di replica statica possono pertanto essere impiegate per individuare il fair price o per effettuare l’hedging di vari tipi di opzioni. Il presente lavoro si focalizza sulle opzioni ordinarie, plain vanilla ed esotiche, e sulle opzioni con barriera. Lo scopo della ricerca è di analizzare i modelli e le strategie di replica statica esistenti, per effettuare un confronto con le tecniche di copertura dinamica, estenderne ed ottimizzarne l’utilizzo e testarne empiricamente il funzionamento.