Pietro Reichlin

Pietro Reichlin

Quesnay visto da Pietro Reichlin

Collana: I momenti d'oro dell'economia

Formato: 130 x 175 mm cm

Pagine: 112

Anno: 2008

ISBN: 978-88-6105-082-2

Prezzo: € 11,90

Sconto: 15 % € 14,00

Il saggio su François Quesnay va alle origini dell’economia, intesa come una scienza empirica che tenta di distaccarsi dalle scienze morali che impregnano il pensiero e le scelte politiche dell’epoca.
Questi tentativi di indipendenza dell’economia, abbastanza diffusi nell’epoca in cui Quesnay ha operato, sono ancora lungi dal maturare, ma in essi si trovano i primi sussulti della trasformazione della società da agricola a industriale e le prime reazioni “conservatrici” contro questo mutamento. Quesnay fa parte del vasto gruppo degli illuministi francesi propugnatori di riforme, ma mantiene le radici nelle concezioni politiche dell’ancien regime in via di dissolvimento. Questa duplice caratteristica lo ha fatto considerare da taluni un riformatore e da altri un conservatore. Reichlin lo giudica invece più semplicemente come uno studioso pieno delle problematiche dell’epoca e, come economista, un riformatore che nega la validità delle idee mercantiliste, legate all’idea che l’accumulo di oro sia l’indicatore della prosperità delle nazioni, e propugna una visione di crescita produttiva che, tuttavia, colloca prioritariamente nello sviluppo tecnologico dell’agricoltura, dando vita alla Scuola fisiocratica che si mostra incapace di cogliere la spinta proveniente dallo sviluppo industriale.

Pietro Reichlin si è laureato in scienze statistiche presso l’università “La Sapienza” di Roma e ha conseguito il Ph.D presso la Columbia University. Attualmente è professore di Economia Politica
presso la Facoltà di Economia della LUISS Guido Carli di Roma. Ha insegnato Economia anche presso le Università “La Sapienza” di Roma, Chieti e Napoli. I suoi principali campi di ricerca sono i mercati finanziari, il business cycle e i contratti con informazione asimmetrica.
Pubblicazioni recenti: “Risk and Intermediation in a dual Financial Market Economy”, Research in Economics, 257-279, 59, 2005; “Optimal debt contracts and moral hazard along the business cycle”, Economic Theory, 75-109, 24, 2004; “Credit markets, Intermediation and the macroeconomy – Discussion of chapter”, in S. Bhattacharya, A. Boot and A. Thakor (ed.), Credit, intermediation, and the macroeconomy: readings and perspectives in modern financial theory, Oxford: Oxford University Press, 2004; “Reserve requirements and costly state verification”, in G. Di Giorgio, Monetary policy and banking regulation, Rome: LUISS Edizioni, 2001; Equilibri competitivi ed economie dinamiche, Carocci Editore, 1998.

Condividi: